Allergie…bastarde

“Togliamo proteine del latte, proteine dell’uovo, togliamo glutine, soya, pollo, guar, carruba”.
Sudori freddi. Abbiamo allevato un Superbimbo a briglia sciolta, svezzato a cioccolato e lo abbiamo lasciato libero di assaggiare, mescolare sapori e ingurgitare tutto quello che gli passava per la mente. L’obiettivo primo era quello che mettesse su peso e, in seconda battuta, volevamo compensare le ore di digiuno pre- e post-assunzione di prograf.
E ora, via tutto, facciamo piazza pulita. Facile no?

Era il 26 agosto e un’altra prova, anche se decisamente meno onerosa delle precedenti, ci si parava davanti. Ma col senno di poi, ringrazio la decisione di provare a giocare la carta della prova empirica.
“Dovete sapere che alcune allergie sono subdole, anche un po’ bastarde se posso esprimermi così. Non si lasciano individuare tramite esami del sangue, né RAST, né FAST, ma solo attraverso l’eliminazione dell’alimento incriminato.”
E figurati se a noi poteva andare per il verso più facile.

Per tre mesi abbondanti tutta la famiglia si è, dunque, sottoposta a una dieta ferrea, consistente in prodotti a base di mais e riso (quelli che hanno la consistenza del polistirolo e che dopo un po’ ti fanno sentire un gallinaeco), tanto pesce (peccato che a due anni più che filetti non mangiano), tanta carne (ma non troppa, al massimo il ragù perché le bistecchine sono buone solo se impanate), tutta la verdura e la frutta che ci pareva (almeno questo…).
A casa gli armadietti e il frigorifero vengono svuotati per lasciar spazio alle nuove leccornie, mentre riflettevamo su come gestire la nuova situazione, a partire dalla prima colazione: latte di riso, cacao amaro certificato e biscotti di cartone vanigliato… Come avremmo parato la sua ira? Avrebbe sputato fuoco? Eravamo preoccupati perché la cucina non è ignifuga.

Eppure, meraviglia delle meraviglie, dal primo giorno hanno accettato la novità, entrambi. Superbimbo guardava la pubblicità e ci spiegava cosa potesse mangiare e cosa no; il Principe lo controllava, gli raccontava il perché e il per come non ci fossero più grissini e pane in casa nostra. Dalla prima settimana siamo riusciti ad andare persino a fare la spesa insieme a loro alla ricerca dei ‘nostri’ prodotti, senza che si attaccassero coi denti agli scaffali pieni di merendine e schifezze più goduriose.
Pazzesco.
Solo una volta un tentativo di reclamo, tanta di quella tenerezza: “Mamma, le capesante le possiamo mangiare, vero???!”, il Principe contento. “Sì, ma senza gratinatura perché è fatta di pane” (e vi assicuro che i succedanei del grano, in questi frangenti, non hanno lo stesso gusto). “NOOOOOOO, NEANCHE LE CAPESANTE!”. Come dire: neanche il pesce, la cosa più sana che c’è, possiamo mangiarci come vogliamo.

Ecco, i bambini non finiscono mai di stupirci.

Sta di fatto che neanche l’Allegra Allergologa, una signora simpaticissima che ti stringe forte la mano con entrambe le sue, si spiega la situazione. Già perché dopo le settimane di repulisti e il lento reinserimento dei vari gruppi alimentari, Superbimbo sta benissimo. Più che bene!
Completamente spannolinato, non abbiamo più l’incubo della diarrea perenne, del mal di pancia, delle notti folli e insostenibili. Usciamo senza cambio, siamo riusciti persino ad andare in gita per due intere giornate. Liberi da fardelli di nuova natura.

Io, però, rimango perplessa: com’è possibile che in così poco tempo il suo organismo abbia ritrovato l’equilibrio? E se si ripresentasse la combinazione di eventi che lo ha portato a stare male dopo l’intervento?
Gli indici di infezione erano ancora piuttosto alti all’ultimo controllo, il 23 dicembre. Ma è anche vero che abbiamo scoperto che stava covando la varicella.

Insomma, ci prendiamo il meglio anche di questa esperienza, sperando di non reincontrare la concomitanza di eventi che aveva causato a Superbimbo tanto disagio.

Mando un pensiero di immensa ammirazione e meraviglia, a chi queste diete le deve seguire per un periodo ben superiore ai quattro mesi, magari per tutta la vita. E un pensiero speciale a chi comincerà una dieta chetogenica importante non avendo ancora compiuto 10 anni. Forza ragazzi.

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , ,

One thought on “Allergie…bastarde

  1. mamiatheart ha detto:

    :*)
    grazie, davvero. Speriamo che N. sia forte forte come Superbimbo, che A. sia solidale come il Principe, che io e B. riusciremo a pesare, preparare, fargli mandar giù tutto quello previsto dalla tabella (sì perché se avanza qualcosa a pranzo, deve necessariamente recuperarlo a cena..) come avete fatto voi.
    Ora siamo nella settimana della pesata di tutto quello che mangia e beve (per dare un’idea alle dietologhe di quante Kcal assume in media in un giorno): lui si diverte un sacco, mangia e beve come non mai. Io un po’ in ansia che mangi o beva qualcosa lontano dalla mia vista…Mi abituerò, vero?

    p.s. bello il nuovo blog, pulito, chiaro, ah!

    m.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: